Soffisof è il marchio di punta dell’azienda S.I.L.C. (Società Italiana Lavorazione Cellulosa) nata in Italia nel 1972 e cresciuta in maniera rilevante nei cinquant’anni a seguire. Il gruppo S.I.L.C. possiede una profonda completezza di gamma, tale da soddisfare le esigenze, relative a prodotti igienici, di animali da compagnia, bambini, donne che si trovino ad affrontare le prime perdite di urina o sanguinamenti post parto, uomini con disturbi alla prostata e anziani. I prodotti Soffisof garantiscono al consumatore una qualità elevata e un’assorbenza sicura senza eccedere nel prezzo, tanto da essere considerati, oggi, i presidi con il miglior rapporto qualità-prezzo sul mercato. I Pannoloni Soffisof sono anatomici, traspiranti nella linea Air Dry, e ricchi di polimeri (nello strato inferiore del prodotto) in grado di assorbire grandi quantità di urina con ingombro minimo. All’esterno, uno strato impermeabile garantisce sicurezza contro perdite di diversa entità a seconda del livello di assorbimento scelto. Gli adesivi per il fissaggio sono comodi e riposizionabili per assicurare comfort e praticità ed è presente, lungo tutta la superficie, un indicatore di cambio in grado di suggerire il momento in cui è necessario rimuovere il pannolone e applicarne uno pulito. Soffisof applica queste ottimali caratteristiche alla gamma più vasta di taglie forti presente sul mercato italiano, arrivando a produrre e distribuire Pannoloni con Adesivi Tg XXXL, per pazienti bariatrici che abbiano necessità di contenere perdite urinarie e fecali.

COME INDIVIDUARE LA TAGLIA PIÙ ADATTA

Taglia Pannoloni per Incontinenza

Individuare la taglia di pannolone corretta non è comunque difficile, basta munirsi di un metro morbido (metro da sarta) e qualche minuto di tempo per poter misurare il girovita (o fianchi) della persona che utilizza il prodotto. Ogni azienda indica se i centimetri indicativi della taglia corretta fanno riferimento al punto vita (all’altezza dell’ombelico) o al giro fianchi (circa quattro dita al di sotto dell’ombelico); Soffisof prevede che la misurazione venga fatta al girovita. Segue una tabella di massima per individuare la taglia del Pannolone Soffisof:

  • Taglia S: girovita tra i 50 e gli 80 cm;
  • Taglia M: girovita tra i 70 e i 110 cm;
  • Taglia L: girovita tra i 100 e i 150 cm;
  • Taglia XL: girovita tra i 140 e i 165 cm;
  • Taglia XXL: girovita tra i 155 e i 175 cm;
  • Taglia XXXL: girovita tra i 175 e i 210 cm.

TAGLIA ERRATA: QUALI CONSEGUENZE

La scelta della taglia è fondamentale nel momento in cui si ha necessità di acquistare un pannolone. Una taglia errata può comportare problemi nell’efficacia del prodotto e danni alla cute, oltre che estremo disagio per la persona.

TAGLIA TROPPO STRETTA

Il primo campanello d’allarme a segnalare che la taglia del pannolone è eccessivamente stretta è la difficoltà che si riscontra nella vestizione. Un prodotto troppo stretto si chiuderà a fatica in vita e costringerà a manovre forzate e poco consone. Anche il ‘cavallo’ risulterà basso, esponendo la persona al rischio di fuoriuscite sgradite e di sfregamenti inguinali fastidiosi e potenzialmente pericolosi. La comparsa di lesioni e arrossamenti, dovuti alla pressione eccessiva delle barriere nei punti in cui il prodotto stringe maggiormente, è frequente quando la scelta della taglia risulta errata. L’efficacia stessa del pannolone sarà inoltre, come già accennato, compromessa dalla superficie assorbente ridotta rispetto a quella necessaria, e la persona dovrà far fronte a perdite sgradite ed eccessiva umidità a contatto con la pelle.

TAGLIA TROPPO LARGA

Se la taglia del pannolone dovesse essere troppo larga, ci si troverebbe immediatamente di fronte a un eccessivo ingombro sia nella parte anteriore che in quella posteriore. Gli adesivi riposizionabili non verrebbero applicati sui fianchi, ma verso il centro del prodotto (spesso sovrapposti). Questo provocherebbe un aumento della superficie cutanea ‘coperta’ da materiale sintetico, con incremento della sudorazione e conseguente rischio di eritemi e lesioni. La funzionalità del pannolone sarebbe inoltre fortemente compromessa per l’errata vestibilità: le barriere laterali, non aderendo al corpo in modo corretto, causerebbero fuoriuscite di urina laterali, con fortissimo disagio per la persona e danni a indumenti e biancheria del letto.

Consigli utili per prevenire irritazioni

IRRITAZIONI E PIAGHE DA DECUBITO: COME PREVENIRLE

Abbiamo visto quanto una taglia errata possa influire sull’integrità della cute, spesso delicata e già compromessa, di chi indossa quotidianamente presidi assorbenti. Prevenire le purtroppo note “dermatiti da pannolone” è una necessità da non trascurare in alcun modo (con dermatite da pannolone si intende un'infiammazione della pelle contraddistinta da eritemi e arrossamenti sulle natiche, a livello dell’inguine e sui genitali). Se trascurata infatti, questa condizione può condurre a patologie più gravi e difficili da trattare, come le piaghe da decubito, lesioni della cute ingravescenti che possono peggiorare fino alla necrosi dei tessuti.

PIAGHE DA DECUBITO: I FATTORI PREDISPONENTI

Esistono alcune condizioni predisponenti all’insorgenza di piaghe da decubito; conoscerle permette di rendersi consapevoli del rischio e di attuare manovre di prevenzione adeguate. Vediamole insieme:

  • Sovrappeso: un forte sovrappeso può portare alla formazione di pliche (pieghe) cutanee in grado di ostacolare, nonostante l’igiene costante, la corretta traspirazione della pelle sottostante. Questo favorisce la colonizzazione di batteri responsabili di infiammazioni dolorose e frequenti. Il sovrappeso porta inoltre a una certa staticità, con compressione dei tessuti già compromessi da un circolo superficiale non ottimale (a causa al grasso in eccesso); la cute, non irrorata a dovere, tenderà ad arrossarsi e ledersi, fino a necrotizzarsi nei casi più gravi (per esempio, periodi di allettamento forzato);
  • Contatto costante con umidità: i pannoloni di nuova generazione garantiscono asciutto di superficie, ma non immediato. Il prodotto ha infatti bisogno di tempi tecnici per assorbire l’urina e trasformarla, grazie ai polimeri super assorbenti, in gel. In attesa che questo accada, la cute di chi indossa regolarmente pannoloni per incontinenza si trova a dover rimanere in ambiente umido e, specie a temperature elevate (es. estate) questo può portare a stati infiammatori più o meno gravi, che possono sfociare nella macerazione della pelle, lesioni e, in caso di lunghi allettamenti, alla formazione di piaghe da decubito;
  • Allettamento: come anticipato la condizione di allettamento predispone a irritazioni e piaghe da decubito. Restare fermi nella medesima posizione molto a lungo comporta una peggiore circolazione del sangue con compromissione dei tessuti ed elevata possibilità di incorrere in lesioni di diversa entità.

COSA FARE

Prodotti consigliati igiene

È importante una corretta prevenzione delle irritazioni cutanee, prestando la massima attenzione alla traspirazione della zona interessata. Ecco qualche semplice consiglio:

  • Corretta igiene: prima di provvedere all’applicazione di qualsiasi pomata e del prodotto assorbente è importante lavare la zona interessata con prodotti non aggressivi e con PH neutro. La cute stressata, irritata o lesa è estremamente fragile e necessita di detergenti delicati per non peggiorarne la condizione;
  • Asciugatura adeguata: una volta lavata la zona interessata, è importante procedere con una corretta asciugatura, che deve essere innanzitutto completa (nessuna parte deve restare umida) ed eseguita con delicatezza, evitando di sfregare e tamponando invece con mano leggera;
  • Applicazione di prodotti assorbenti della giusta taglia e di alta qualità, che garantiscano traspirabilità e asciutto di superficie;
  • Mobilizzazione frequente della persona in caso di allettamento e sollecitazione al movimento (nei casi in cui questo sia ancora possibile) per favorire una buona circolazione sanguigna (con eventuale ricorso a terapie fisioterapiche ove ve ne sia l’indicazione);
  • Uso di calze e scarpe specifiche che aiutino a favorire la traspirazione di gambe e piedi (una sudorazione eccessiva può causare la proliferazione di batteri);
  • Dieta equilibrata che garantisca il controllo del peso e la giusta immissione di nutrienti all’interno dell’organismo (un corpo ben alimentato avrà una pelle più sana ed elastica, ottimo ‘scudo’ all’insorgenza di irritazioni e lesioni);
  • Utilizzo di creme e pomate lenitive: quando la zona interessata sarà correttamente detersa e asciugata, prima di procedere all’eventuale posizionamento del pannolone, sarà buona norma applicare una crema morbida e lenitiva che consenta di prevenire, o sfiammare se presenti, rossori e irritazioni. Ottime le creme contenenti Ossido di Zinco in giusta percentuale.

La crema a base di Ossido di Zinco Soffisof aiuta a favorire la guarigione cutanea delle piccole lesioni, accelerando il processo di rigenerazione cellulare e aiutando a prevenire eventuali arrossamenti successivi.